Sulla Bromelia
Tutto quello che devi sapere sulla Bromelia
Bromelia, specie, assortimento, origini tropicali, pianta primitiva, Coltivazione, Disponibilità, colori, fiori, piante, crescita
16415
page-template-default,page,page-id-16415,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-5.9,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Radici tropicali

Le Bromelie hanno viaggiato molto per il mondo. I loro antenati sono cresciuti e fioriti sulle alte ed aspre montagne della Cordigliera delle Ande e nelle profondità e nel calore della foresta tropicale in Uruguay. Ovunque, in America del Sud e in America Centrale, è possibile trovare delle Bromelie, una più bella dell’altra. Complessivamente, esistono più di 2800 specie. Durante il diciottesimo secolo, alcuni commercianti belgi visitarono questi luoghi scoprendo la bellezza delle Bromelie e portandone in Europa alcuni esemplari. Hanno così dato inizio all’attuale vasto assortimento di Bromelie.

I suoi progenitori

L’origine delle Bromeliacee risale presumibilmente al periodo cretaceo, circa 65 milioni di anni fa. Alcuni esemplari fossili sono datati 30 milioni di anni fa e si guadagnano quindi a pieno titolo la definizione di pianta autoctona. Gli Inca, gli Aztechi e i Maya utilizzavano ogni parte della pianta come cibo, per protezione, per le sue fibre e anche durante i loro riti. E’ divertente pensare che i progenitori della Bromelia non erano così diversi dalle piante che fioristi e vivai vendono al giorno d’oggi: è un po’ come avere in casa un libro di storia naturale, rilegato però all’ultima moda.

Coltivare

Le Bromelie hanno ispirato, e continuano a farlo, ibridatori e produttori di piante che riescono a creare e produrre varietà sempre più belle. Inoltre, gli sforzi di questi professionisti hanno permesso di creare una grande famiglia di Bromelie, disponibili tutto l’anno nei garden center e dai fioristi. La produzione delle Bromelie è completamente ecologica. Questo perchè i produttori purificano e riciclano l’acqua e utilizzano solo prodotti nutritivi e fitosanitari ecologici. Un computer all’avanguardia assicura efficacemente un clima ideale, con la giusta temperatura, umidità, luce e acqua.

Disponibili tutto l’anno

Le Bromelie sono disponibili in così tante varietà e colori che il vostro garden center o fiorista potranno sempre proporvi una scelta interessante. Inoltre, l’approvvigionamento cambia tutte le settimane. Se avete la possibilità di andare abbastanza spesso dal vostro garden center o fiorista, avrete ogni volta la possibilità di scoprire nuovi colori e varietà diverse. Un’altra particolarità delle Bromelie è che sono sempre disponibili, tutto l’anno. Cosa significa per voi? Che ogni stagione è stagione di Bromelie!

CuraOsserva i generi

Lo sapevate che…?

…alcune Bromelie crescono sul terreno (terrestri) ed altre sugli alberi (epifite) per ricevere maggior luce?

…le Bromelie epifite non danneggiano l’albero su cui poggiano perché sia le radici che le foglie assorbono l’umidità ed il nutrimento dall’aria, invece che dall’albero stesso?

…tutte le varietà di Bromelia migliorano la qualità dell’aria?

…Ciò che chiamiamo fiore per maggiore semplicità corrisponde in realtà alle brattee dai colori vivaci. I fiori veri e propri della Bromelia sono molto piccoli.

…tutte le Bromelie hanno sulle loro foglie piccole squame, chiamate tricomi.

…tali squame costituiscono un sistema assorbente e fungono anche da scudo termico nel deserto, evitando un’eccessiva disidratazione della pianta a causa del sole cocente.

…più le foglie sono bianco argento e più il loro aspetto è soffice, maggiore è il numero delle loro squame.

…esistono Bromelie con foglie appuntite e con foglie seghettate?

…le Bromelie dalle foglie spesse preferiscono un ambiente asciutto, mentre quelle dalle foglie sottili necessitano di più umidità?

…il calice centrale contiene dei fili sottili e delle scale per assorbire l’acqua?

…le Bromelie selvatiche raccolgono nel proprio calice anche foglie in decomposizione ed escrementi d’uccello utilizzandoli come nutrimento?

…in natura, la rana Phyllobate (velenosa) si nutre e beve dal calice delle Bromelie, nonché ne depone nel calice le proprio uova?

…le Vriesea rilasciano ossigeno durante la notte e che quindi sono ideali per le camere da letto?

…la Neoregelia è una vera amante del sole, tanto da nascondere i proprio fiori tra le foglie?

…l’ananas che si mangia fa parte della stessa famiglia della pianta d’appartamento Bromelia?

…esiste una varietà di Ananas, chiamata “Champaca”, che oltre ad essere molto decorativa, produce anche un frutto che quando è completamente maturo è commestibile?

…Henry Ford utilizzò la Tillandsia come motivo per ricoprire i sedili della sua Ford-T?